L’eroe dell’universo: Bruce McCandless!

Buonasera a tutti!!

Come state? Siete pronti per una nuova appassionante lettura?

Oggi vi voglio proporre una descrizione delle seguenti foto.

Immagine

Immagine

 

Questo è Bruce McCandless durante la sua missione STS-141-B con lo space shuttle challenger. Questa missione partì dal Kennedy Space Center in Florida il 3 febbraio 1984. Durante questa missione egli diventò famoso poiché divenne il primo uomo a compiere una passeggiata spaziale (eva) senza mantenere legami fisici con lo Shuttle ma utilizzò per la prima volta il Manned Maneuvering Unit (MMU). Il MMU è uno zaino a propulsione sperimentato dalla Nasa, il quale permette agli astronauti di “fluttuare liberamente” nello spazio senza essere fisicamente collegato alla navicella.

L’astronauta statunitense si allontanò dalla navicella per ben 800 metri, viaggiando a una velocità (circa pari a quella dello shuttle) di 25000 km/h a un altezza di 300/400 km sopra la Terra. La foto in cui l’astronauta è più distante rappresenta la situazione appena descritta.

Immagine

In questo frangente si sarebbero potuti verificare diversi incidenti dal momento che lo spazio non è un ambiente adatto all’uomo ma questi aspetti fanno di Bruce un vero eroe e dell’Eva una grande indiscussa impresa.

Proviamo dunque a immaginarci lì, in quell’istante. Siamo noi quell’astronauta a 800 metri dalla navicella, viaggiamo a 28000 km/h nel vuoto infinito; l’unico rumore che sentiamo sono quelle delle voci degli ingegneri a terra. Stacchiamo anche l’audio. Siamo avvolti da un silenzio rumoroso. Ora siamo nel vuoto, la nostra vita è appesa a un filo. Voliamo nell’infinito, la Terra è sotto di noi e capisci che questa, che da dentro sembra grande e indistruttibile, da fuori è una nave fragile ed estremamente piccola dove noi tutti viaggiamo in balia dell’illimitato. Allora capiamo che quella è la nostra casa e l’unico punto dell’Universo scoperto fino ad ora che possiede questa magia.

Concludo dunque con una provocazione: Voi lo avreste Fatto??

Annunci

2 Comments

Add yours →

  1. Bravo Paolo….bellissimi e suggestivi momenti di riflessione.
    Chiedi chi lo avrebbe fatto? Io no..troppo fifona. Ma nel tuo racconto ho sognato un po’.
    Segui i tuoi sogni e le tue passioni.
    Alla possima…..
    Paola……..Bologna

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: